IL PORTO ONLUS ACCOGLIENZA IMMIGRATI | LA FORESTA CHE CRESCE 4 – 2021
l'associazione il porto onlus, ILPORTO-ONLUS, IL PORTO ONLUS, prevede percorsi accoglienza e integrazione a favore di immigrati presenti sul territorio di Ponte san pietro , mapello, dalmine e provincia di bergamo, referente Marco Ravasio
accoglienza immigrati, integrazione, solidarietà, scuola lingua, esami licenza scolastica, inclusione e cittadinanza, Scuola di alfabetizzazione, aggregazione e socializzazione , Agenzia dell’Integrazione Bergamo, IUS SOLI, scuola di alfabetizzazione per donne straniere, Marco Ravasio, Registro Regionale del Volontariato, volontari, volontariato, sportelli d’ascolto, inserimento degli stranieri, relazioni di solidarietà e di sensibilizzazione, Associazioni di volontariato, iniziative e attività culturali, LEGGE SULLA CITTADINANZA, Marco Ravasio,
16917
page-template-default,page,page-id-16917,ajax_fade,page_not_loaded,,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

 

LA FORESTA CHE CRESCE… a maggio: 4a Edizione – 2021

 

 

“La foresta continua a crescere” e noi dobbiamo continuare ad ascoltare… Ritorniamo a maggio con la nostra rassegna e già stiamo programmando una serie di eventi per i mesi prossimi.

 

Il primo appuntamento della rassegna è con TAM TAM Basket, associazione sportiva dilettantistica, nata nel 2016 a Castel Volturno (Caserta), con lo scopo di generare un impatto positivo sulla vita dei ragazzi e delle ragazze, con una particolare attenzione all’inclusione sociale attraverso lo sport.
Massimo Antonelli, ex campione di basket e ora allenatore appassionato di questa squadra giovanile, con alcuni dei suoi ragazzi, ci racconta la storia di questa eccezionale esperienza.

 

Introduce e coordina Piero Vailati, giornalista de L’eco di Bergamo.

 

L’incontro sarà in diretta streaming e si potrà rivedere anche in un secondo momento.

 

 

 

Cos’è TAM TAM Basketball?

La TAM TAM Basketball nasce dalla passione di Massimo Antonelli, cestista italiano degli anni 70/80, che da più di vent’anni si dedica a tempo pieno all’insegnamento dei fondamentali del basket e che nel settembre 2016 ha fondato a Castel Volturno, insieme ad altri soci, questa associazione sportiva dilettantistica.

 

L’idea è quella di offrire, a chi diversamente non avrebbe le possibilità economiche, l’opportunità di svolgere una
sana attività sportiva, totalmente gratuita, offrendo anche, ove necessario, assistenza psicologica individuale e di
gruppo.
La squadra è partita con una ventina di ragazzi, ma il loro numero è aumentato in pochi anni fino ad arrivare a tre
squadre di atleti quasi tutti tesserati.

 

All’inizio i ragazzi non potevano iscriversi ai campionati FIP (Federazione Italiana Pallacanestro), perché il
regolamento imponeva ci fossero massimo due stranieri per squadra. E l’esclusione avveniva nonostante gli atleti
fossero figli di immigrati africani ma tutti nati in Italia.
Nel 2017, dopo una estenuante battaglia a favore dei diritti allo sport di tutti i ragazzi si è ottenuto prima una
DEROGA e poi una norma legiferata al parlamento, mutuata come “NORMA SALVA TAM TAM BASKET“.
La norma determina che tutti i ragazzi stranieri minorenni che vivono in Italia e ne frequentino le scuole da almeno
un anno abbiano nello sport gli stessi diritti degli italiani.
Ciò ha garantito agli oltre 800 mila minori nati in Italia da genitori migranti, ragazzi e ragazze con meno diritti dei loro
coetanei, di praticare qualsiasi sport senza limitazioni.

 

Tale diritto è ora garantito anche dal D.L. 36 del 28.2.2021: UNA GRANDE VITTORIA PER LO SPORT E L’INCLUSIONE,
risultato dalla lotta di TAM TAM, nata dal puro desiderio di gioco dei ragazzi

 

Art. 16 D.L. 36 del 28.2.2021 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18.3.2021:
I minori di anni diciotto che non sono cittadini italiani, anche non in regola con le norme relative all’ingresso e al
soggiorno, laddove siano iscritti da almeno un anno a una qualsiasi classe dell’ordinamento scolastico
italiano, possono essere tesserati presso società o associazioni affiliate alle Federazioni Sportive Nazionali, alle
Discipline Sportive Associate o agli Enti di Promozione Sportiva, anche paraolimpici, con le stesse procedure previste
per il tesseramento dei cittadini italiani di cui ai commi 1 e 2.

 

 

 

 

Chi siamo

Condividi sui social
Youtube