IL PORTO ONLUS ACCOGLIENZA IMMIGRATI | LA NOSTRA STORIA
l'associazione il porto onlus, ILPORTO-ONLUS, IL PORTO ONLUS, prevede percorsi accoglienza e integrazione a favore di immigrati presenti sul territorio di Ponte san pietro , mapello, dalmine e provincia di bergamo, referente Marco Ravasio
accoglienza immigrati, integrazione, solidarietà, scuola lingua, esami licenza scolastica, inclusione e cittadinanza, Scuola di alfabetizzazione, aggregazione e socializzazione , Agenzia dell’Integrazione Bergamo, IUS SOLI, scuola di alfabetizzazione per donne straniere, Marco Ravasio, Registro Regionale del Volontariato, volontari, volontariato, sportelli d’ascolto, inserimento degli stranieri, relazioni di solidarietà e di sensibilizzazione, Associazioni di volontariato, iniziative e attività culturali, LEGGE SULLA CITTADINANZA, Marco Ravasio,
15117
page-template-default,page,page-id-15117,ajax_fade,page_not_loaded,,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

 

 

LA NOSTRA STORIA

 

 

L’associazione da più di venti anni cerca di far fronte ai problemi derivanti dall’emigrazione.

Negli anni novanta ci si è occupati subito di risolvere i problemi primari: casa, lavoro e le pratiche burocratiche.

I primi migranti con cui sono stati costruiti dei rapporti di reciprocità e integrazione sono stati albanesi, nord africani, senegalesi e sud americani.

Con questi si sono costruiti dei progetti inizialmente di aiuto immediato concretizzatisi sul nostro territorio e nei paesi di provenienza.

Si è acquistato una casa a Brembate Sopra con dei finanziamenti privati di associati, che in seguito è stata riscattata da un gruppo di senegalesi provenienti dal paese di Taiba. Questi si sono poi costituiti in associazione IMMIGRATI TAIBA con la quale abbiamo poi consolidato i rapporti arredando insieme a Taiba la scuola primaria e costruendo un ambulatorio con posti letto e attrezzatura di primo soccorso.

In sud America in Brasile, nella favela della città di Recife, in collaborazione con una associazione bolognese, abbiamo partecipato alla costruzione di un oratorio con dei laboratori per i ragazzi e un laboratorio di cosmesi per le donne della favela stessa perché le stesse provvedessero alla produzione e alla vendita dei prodotti stessi.

Sempre a Recife abbiamo sostenuto il progetto menina-mulher , assistenza e aiuto per le bambine e ragazze di strada madri, provvedendo a dare loro e ai loro bimbi un alloggio e un aiuto.

Il Porto si è fatto inoltre da garante e prestanome per alcuni amici migranti per ottenere case in affitto.

 

Dal ’99 si è aperto uno Sportello Unico Servizio Migranti, un punto di incontro, informazione e consulenza. Nasce da un’iniziativa del Porto, che poi è stata inserita in un progetto più ampio della provincia di Bergamo con l’adesione di ventiquattro comuni dell’Isola bergamasca.
I nostri volontari erano a disposizione per risolvere i problemi di: ricongiunzione familiare, permessi di soggiorno e rinnovi, problematiche riguardanti i rapporti di lavoro e l’assistenza sanitaria, dichiarazione dei redditi, informazioni per documenti anagrafici, consulenza per acquisto o affitto casa.

 

 

Inoltre l’associazione si è impegnata ad organizzare iniziative e attività culturali che si propongono di migliorare la reciproca conoscenza, l’accoglienza, il confronto: rassegne cinematografiche, teatrali, feste multietniche, marce e biciclettate per la pace e la solidarietà, dibattiti incontri, campagne di sensibilizzazione.